Educare è costruire, cosa porta a un rimprovero

rimprovero
BLOG

Ieri sera ho rimproverato mio figlio dopo che per l’ennesima volta ha lanciato i lego perché non riusciva a ultimare una costruzione.

La prima, la seconda, la terza, la quarta. Poi sono intervenuto.

Se non riesce a fare ciò che si sta prefiggendo, ovvero, se non riesce a portare a buon fine ciò che fa, perde la pazienza, si arrabbia e lancia tutto all’aria. È un comportamento che non mi piace, e alle volte mi spaventa.

Questa scena si è ripetuta più volte, come ho già scritto prima, a ogni crollo corrispondeva un lancio.

Con calma gli ho spiegato che se la torre crolla, non bisogna perdersi d’animo e riprendere a ricostruirla. È un po’ il senso della vita, se cadi ti rialzi, altrimenti è finita.

Sarà stata la stanchezza serale, sarà stato il momento ma la reazione era sempre la stessa, a parte che ha rischiato di cecarci per via dei lanci, quindi con pugno fermo e con un tono di voce deciso ho detto BASTA.

Gli ho tolto i lego, rimettendoli a posto e l’ho mandato a letto.

Lui ha pianto, ed io invece ho pianto dentro per via del rimprovero. Vederlo piangere è una delle cose più dolorose e difficili da vivere e gestire, però se non si interviene e non gli si fa capire che alcune reazioni non si hanno e possono essere pericolose gli si da la libertà, in futuro, di rifarlo e soprattutto di rifarlo in luoghi diversi da quello domestico.

Il rimprovero o una piccola presa di posizione se fatta ai fini educativi, credo, non è mai sbagliata. Il bambino l’assimila, la elabora e ci ragiona.

I nostri figli crescono e devono imparare a inserirsi in una vita sociale fatta di cooperazione, di discussioni sui conflitti interpersonali, di decisioni prese con autorevolezza, con poca democrazia (eheheh) e altre volte invece con decisioni prese più democraticamente.

Posso segnalare l’errore, spiegare il perché e invitarlo a non rifarlo, o riprovarci in altro modo. Possiamo fare tanto.

Insegnare è costruire, educare è costruire, rimproverare (quando è giusto) anche.

 

Non trovate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *